Rosé 2005

Rosé

2005

Il brivido del Pinot Noir

Dom Pérignon Rosé è un vero omaggio al Pinot Noir. Lavorare con il Pinot Noir richiede grande maestria e umiltà. Dom Pérignon Rosé è un paradosso: combina lo Chardonnay e il Pinot Noir in un equilibrio perfetto.
Al termine di un’attesa di oltre dieci anni, il colore di Dom Pérignon Rosé rivela tutta la sua tensione, sospesa tra maturità e giovinezza, misura ed espressività.
Dom Pérignon Rosé mantiene appieno la promessa del Pinot Noir, facendolo risuonare alto su una nota limpida, fragile e vibrante.

2005: IL BRIVIDO DEL PINOT NOIR

Un'annata dai forti contrasti, globalmente calda e secca. L’inziale entusiasmo dato dalla calure di Agosto è temperato dalla frescura e dalle piogge di settembre. Alla raccolta sarà necessaria una drastica selezione, per ottenere infine un volume limitato, ma di eccezionale qualità e con una maturità aromatica senza pari. La vendemmia inizia 14 settembre.

AL NASO

Le note tropicali, come la guava e la foglia di curry, si fondono a quelle più classiche di zeste e frutta a nocciolo molto matura. A completare il tutto, gli accenni di cacao e spezie torrefatte.

AL PALATO

La vinosità è tonica, la ricchezza iniziale si espande e si afferma, rivelando una maggiore corposità, solidità e struttura. La persistenza in bocca è notevole, con deboli accenti di liquirizia e note amare di arancia rossa.

ABBINAMENTI CULINARI

Dom Pérignon Rosé 2005 è estremamente fisico. Questa sensazione tattile si rivela attraverso una fresca acidità, tannini granulosi e una nota sciropposa. La vibrante struttura del vino viene esaltata al massimo se si accompagna a frutti di mare, ad esempio un raffinato piatto di scampi e hummus, o a un insalata di uova ripiene, caviale Prunier e asparagi crudi. Se accompagnato a piatti di carne, come un sashimi di manzo Wagyu scottato con cime di rapa fredde speziate, il Rosé 2005 presenta innanzitutto la sua mineralità fumé.

il Rosé 2005 è Pinot Noir al quadrato: esalta il proprio lato positivo, giocoso, vibrante, seducente. Vi è uno sviluppo che supera lo Champagne, che è quello del vino.
RICHARD GEOFFROY
DOM PÉRIGNON CHEF DE CAVE

SELEZIONATI PER TE