Vintage 2010

Vintage

2010

L'armonia perfetta

Dom Pérignon crea solo Champagne Millesimati, elaborati dalle migliori uve selezionate in una singola annata.
Non smette di reinventarsi, per interpretare sempre al meglio il carattere esclusivo di ogni stagione. Rifiuta i compromessi, rinunciando alla creazione del Millesimato quando la vendemmia non è all’altezza.
Dopo un’elaborazione di almeno otto anni, il vino raggiunge un equilibrio perfetto, la più bella promessa della Maison. Questo è Dom Pérignon Vintage, la Plénitude dell’Armonia.

2010: LA SFIDA DELL’ANNATA

2010. L'inverno è stato rigido, la primavera secca e in ritardo, l'estate calda ma non eccessivamente. Dopo un decennio particolarmente soleggiato, questa freschezza era sorprendente. Poi, due giorni di diluvio hanno fermato questa traiettoria ideale. In pochi giorni si è sviluppata sui grappoli la botrite, in particolar modo sul Pinot Noir.

Ciò ha innescato una corsa contro il tempo. Le uve non erano ancora completamente mature, ma andava presa una decisione - e rapidamente. Dom Pérignon ha impiegato tutte le sue risorse per tracciare una mappa precisa che verificasse la maturità e lo stato di salute in ogni singolo appezzamento. Ogni minuto era prezioso.

L’esperienza messa in pratica in questa situazione ha permesso alla Maison di salvare ottime parcelle coltivate a Pinot Noir. La sfida è stata accolta e vinta: Dom Pérignon ha dichiarato un Vintage letteralmente "salvato dalle acque”: Dom Pérignon Vintage 2010, frutto di intuizione e di maestria.

IL NASO

Immediatamente risplende la dolcezza della frutta tropicale: mango verde, melone e ananas. Poi emergono note più temperate: il pizzicore di una scorza d'arancia, la bruma di un mandarino.
Il vino respira e la sua freschezza si rivela. La fioritura dopo la pioggia. Una sensazione tattile di peonia, gelsomino e lillà.

IL PALATO

Il vino rivela rapidamente il suo carattere pieno, ricco, intenso. Un'interessante maturazione e una sensazione tattile seguono l'esperienza aromatica. Al palato la materia prende corpo, generosa, decisa, controllata. Poi si rafforza, facendo vibrare il vino sulle note speziate e pepate.
L’energia si prolunga, fino a un magnifico finale salino.

Il 2010 è stato un anno di sfide audaci che abbiamo saputo vincere, così Dom Pérignon Vintage 2010 scrive una nuova pagina per lo Champagne e per la Maison. Una pagina che testimonierà per sempre la maestria e l’umiltà con le quali abbiamo affrontato quest’annata e che spero non cesserà mai di ispirarvi.
Vincent Chaperon, Chef de Cave

SELEZIONATI PER TE