RACCOMANDAZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLO CHAMPAGNE

CONSERVAZIONE DELLO CHAMPAGNE - TEMPERATURA FRESCA E COSTANTE

7 - 18° C

EVITARE GLI SBALZI TERMICI

Una temperatura troppo elevata aumenta la velocità di invecchiamento e danneggia la qualità del vino.
Una temperatura troppo fresca rallenta l’evoluzione e impedisce al vino di sviluppare una maggiore complessità.

CONSERVAZIONE DELLO CHAMPAGNE – OSCURITÀ

NON ESPORRE ALLA LUCE

La luce può danneggiare i vini
Lo Champagne è particolarmente sensibile alla luce.
In particolare, è necessario proteggere le bottiglie di vetro trasparenti.

CONSERVAZIONE DELLO CHAMPAGNE – UMIDITÀ

SUPERIORE AL 70%

Mantenimento delle qualità fisiche ed elastiche del tappo
Un livello di umidità troppo basso, associato a una temperatura troppo elevata, potrebbe seccare il tappo e provocare un’evoluzione troppo rapida.

CONSERVAZIONE DELLO CHAMPAGNE - BOTTIGLIA SOTTO PRESSIONE

EVITARE GLI URTI

Da maneggiare con cura
La bottiglia ha una pressione compresa fra i 6 e gli 8 bar, vale a dire tre volte la pressione presente all’interno dello pneumatico di un’automobile.

APRIRE UNA BOTTIGLIA

Non stappare con il botto

Passo 1: inclinare la bottiglia e allentare la gabbietta
Passo 2: rimuovere la gabbietta e il suo rivestimento mantenendo ben saldo il tappo. Evitare di posizionare la traiettoria del tappo nella direzione di un ospite
Passo 3: tenendo sempre ben saldo il tappo, afferrare il corpo della bottiglia e farlo ruotare per sbloccare delicatamente il tappo dal collo senza farlo saltare

CONSERVAZIONE DELLO CHAMPAGNE – DURATA

LO CHAMPAGNE MATURA ALL’INTERNO DELLA BOTTIGLIA

Lo Champagne è una materia vivente e si evolve con il passare del tempo. Oltre alle condizioni di conservazione, che hanno un impatto diretto sull’evoluzione del vino e sulla sua qualità, anche il tipo di assemblaggio (Millesimato) e il formato della bottiglia incidono significativamente sulla maturazione dello Champagne nel corso del tempo.

Per quanto riguarda gli Champagne Millesimati, la loro durata di conservazione è più lunga. È possibile degustarli entro 7-10 anni dalla data di acquisto, o anche successivamente.
Non è necessario conservare lo Champagne più a lungo di quanto consigliato. Tutte le bottiglie di Champagne che mettiamo in commercio, infatti, sono maturate al punto giusto nelle nostre cantine e possono essere degustate fin dal loro acquisto.
Conservare le bottiglie più a lungo potrebbe generare variazioni a livello di gusto (più pronunciato), colore (più scuro) ed effervescenza (minore). Inoltre, la maturazione delle Cuvée risulterebbe sicuramente diversa da quella che i nostri enologi intendevano esprimere e condividere con i consumatori.